Categorie dei segni zodiacali…

Categorie dei segni zodiacali… I segni Fissi: sono presenti nei segni zodiacali del Toro, Leone,Scorpione e Acquario
I segni Fissi: sono presenti nei segni zodiacali del Toro, Leone,Scorpione e Acquario. I nati in questi segni tendono ad essere i più stabili e indipendenti. In particolare il segno del toro, il quale ha un comportamento costante e pratico. Il Leone, non ama i modelli generali di comportamento. Lo Scorpione, più che il materiale lo attraggono i problemi interiori. L’acquario, si trova sovente alle prese con se stesso.

IL POTERE DI MEDITARE CON GLI ANGELI

Ciao a tutti carissimi fratelli di luce, da tempo non scrivo nulla sul blog, perché rapito dalla quotidianità della vita.

Ma come sempre ricerco metodi e tecniche che possano aiutarmi a migliorare e a ritrovare la mia vera essenza.

 

Premetto che in questa fase della mia vita non sono molto propenso alle letture di alcun genere e pertanto orientato alla visione e all’ascolto di video ed audio.

Come sempre l’universo è in ascolto ed attento a tutto, infatti circa 20 giorni fà, mi è arrivata un’email dal titolo curioso ….

Dopo averla aperta ed aver letto il testo dell’email moto interessante e coinvolgente, vengo attratto dalla dicitura , pensai immediatamente che non era un caso, e non mi potevo far sfuggire un segno come questo.

Finalmente dopo circa 2 o 3 giorni mi arriva il mio bel DVD e come un bambino impaziente che attende il suo regalo, lo apro ed immediatamente inserisco il primo dei 3 DVD che conteneva una conferenza di  

Per chi non la conoscesse è scrittrice e coach di fama mondiale, ha iniziato a occuparsi dell’universo angelico in seguito alla miracolosa guarigione da una rara forma di leucemia,  avvenuta, secondo la sua testimonianza, grazie all’aiuto degli Arcangeli.

, il seminario spiega dettagliatamente tutto, Grazie all’amore e alla frequenza vibratoria degli Angeli, Isabelle ci accompagna con la sua voce in un viaggio attraverso gli strati più profondi del subcosciente, dove impareremo a vincere le ricadute mentali risanando ogni aspetto della nostra esistenza.

Questa volta sono veramente in difficoltà, perchè non ci sono parole per poter descrivere la magnificenza di questi contrenuti. Ho trovato un video trailer che vi voglio far vedere….

Ma, prima della visione vi cito una frase che mi ha colpito:
“La maggior parte delle persone crede che gli angeli custodi esistano per proteggerci nelle situazione di pericolo. La verità è ancora più bella: ci sono legioni di angeli là fuori che aspettano solo che noi li chiamiamo”.

LE DUE VIE DELLA PRATICA: MEDITAZIONE E MANTRA

Nel Buddhismo coesistono varietà di pratiche e metodi talvolta anche molto diversi tra loro, tutti, comunque, aventi lo scopo comune di volere emancipare gli esseri dal loro stato di sofferenza esistenziale.

Nell’apparente contraddizione di queste diversità si possono distinguere, in generale, due vie fondamentali di pratica: una della meditazione e l’altra del mantra.

Sotto il termine “meditazione” viene raggruppata una serie di vari metodi che differiscono notevolmente da scuola a scuola e da tradizione a tradizione. Vi sono, per esempio, meditazioni che intendono portare la mente a uno stato di calma e concentrazione, altre a uno stato di profonda consapevolezza, capacità di osservazione o di analisi. Alcune tradizioni, come quelle tibetane o esoteriche dell’estremo oriente, a tali scopi, si servono di visualizzazioni e rituali complessi. Altre, infine, come nello zen, tendono a definirsi un non-metodo, il semplice e puro essere nella natura originale (illuminazione).

Nella tradizione Theravada la meditazione può essere classificata in mondana e sovramondana a seconda dello scopo per cui si pratica. Nella motivazione mondana la mente rimane a livello del condizionamento della legge di causa ed effetto, mentre la pratica ha lo scopo di coltivare quella saggezza che permette di vivere con equilibrio fra gli alti e bassi della vita. La meditazione, in questo caso, è un mezzo che aiuta ad essere meno coinvolti dai problemi quotidiani e ad aprire il cuore agli avvenimenti con mente equanime e compassionevole.

Lo scopo sovramondano è invece quello più elevato, ma allo stesso tempo, più impegnativo, che richiede una totale rinuncia ai comfort e alle distrazioni mondane. E’ quello che conduce alla liberazione completa dai condizionamenti e alla realizzazione dello stato sereno, illuminato, compassionevole e incondizionato del Nirvana.

Anche la pratica del mantra, presente in tutte le tradizioni buddhiste, può essere mondana: con la grande carica interiore che genera aiuta a sopportare meglio i problemi contingenti e a trasformarli. Ma il mantra, a differenza della pratica silenziosa di meditazione, ha anche un altro potere in più, che potremmo definire mistico e che consiste nel poter influire energeticamente sugli eventi della propria vita volgendoli a un fine prestabilito. Recitando verbalmente un mantra si mettono in moto vibrazioni mentali sottili che interagiscono con l’universo, gli esseri viventi e i fenomeni particolari. La mente, secondo la visione buddista, è vuota o interdipendente, ovvero, per esistere deve dipendere da varie cause e condizioni . Freud l’ha paragonata a un iceberg, la cui piccola parte emersa è quella cosciente, mentre quella sommersa rappresenta l’inconscio. Le vibrazioni del suono mantrico attivano i poteri celati nel profondo di questa parte misteriosa della mente umana, di cui l’individuo è ignaro, generando movimenti energetici che si manifestano nella sua vita. Per questo la pratica mantrica è conosciuta come la via dell’energia che agisce in base alla legge di causa ed effetto.

Nel Theravada le recitazioni in lingua pali, chiamate Paritta, hanno lo scopo di proteggere dagli incidenti, dalle negatività e di guarire dalle malattie.

Così anche nella maggior parte delle scuole Mahayana lo scopo è simile e diretto ad ottenere benefici mondani. Il mantra di Kuan Yin è invocato per soccorrere compassionevolmente quelli in difficoltà, le donne sterili, i bambini ecc..,,; il mantra del Buddha della Medicina ( Baisajaguru) per guarire dalle malattie; quello di Ksitigarba e molti altri mantra per soccorrere gli spiriti dei i cari defunti.

Tuttavia non tutti i mantra hanno questo scopo. Alcuni sono puramente devozionali, come quello dedicato al Buddha Amitabha, con l’intenzione di rinascere nel suo paradiso dell’ovest dopo la morte e diventare così certamente dei Buddha compassionevoli e saggi. Altri, invece, come il mantra della Prajna Palamita, Gate gate… hanno lo scopo sovramondano di portare gli esseri all’altra sponda della liberazione.

Contrariamente a quanto normalmente si è portati a pensare in occidente, nel Buddismo non sempre questi due piani sono nettamente differenziati: al contrario, si fiancheggiano continuamente sostenendosi e scambiandosi l’uno con l’altro a seconda delle situazioni e circostanze. Basti pensare alla tradizione vietnamita in cui alla severità dello zen, pratica del proprio potere, viene affiancata la devozione della Terra Pura, pratica dell’affidarsi all’altro potere; alle meno note scuole Tendai e Shingon dove le due pratiche camminano sempre di pari passo; ad alcune scuole Nichiren dove alla recitazione del Daimoku fa quasi sempre seguito una meditazione silenziosa; e nella tibetana dove gli insegnamenti tantrici comprendono pratiche mantriche, meditazioni analitiche e meditazioni intuitive come la Mahamudra e lo Dzogchen, molto simili nei contenuti a quella zen.

In generale, un monaco o praticante di qualsiasi tradizione, che pratica la meditazione può anche dedicare dei momenti alle recite mantriche per risolvere certe questioni contingenti. Viceversa uno che recita i mantra può occasionalmente dedicarsi alla meditazione per realizzare una condizione interiore più raccolta e distaccata. Le due pratiche, quindi, camminano di pari passo senza entrare in contraddizione, riflettendo il principio buddista di non dualismo fra mondo e spirito che si traduce in frasi come: per essere persone pienamente realizzate abbiamo bisogno del benessere sia spirituale che materiale. I testi Buddhisti affermano che le condizioni migliori dove si può praticare sono quelle dove c’è benessere sociale e materiale. Se le persone non hanno risolto i loro problemi primari è molto difficile praticare il Dharma.

Nel mahayana tale dualismo è totalmente superato dal concetto del vuoto che afferma che tutti gli opposti sono interdipendenti, compresi il Nirvana e il Samsara . L’illuminazione non deve essere ricercata al di fuori del mondo ma vivendo in esso.

Oggi più che mai, nei comfort della società materialistica e nello stress della vita sempre più frenetica ed incerta, è importante mantenere questi due approcci integrati come un’unica pratica. Senza il bisogno di allontanarsi da tutto e da tutti abbandonandoli, cercare di trovare un equilibrio, la serenità, la sicurezza, la gioia nella vita ordinaria di tutti i giorni.

Lo zen, alla domanda cos’è l’illuminazione, risponde: la vita ordinaria è l’illuminazione.

Un aneddoto racconta di un giovane monaco venuto da lontano per apprendere il Dharma che chiede al maestro di essere istruito e riceve come risposta se dopo aver fatto colazione ha lavato la sua ciotola. Da tale risposta egli si risveglia al vero significato dell’insegnamento e si libera dalle concezioni errate.

Ma quale Centro di Cartomanzia, vi rende le ricariche Telefoniche ??

La nostra Pubblicità incalzante e un pò pressante, è perchè vogliamo far capire a chi ci chiama da anni,

che abbiamo deciso, per combattere la crisi, di restituire in un certo qual modo, le Ricariche

rt

servizio_cortesia

Telefoniche da un minimo di 10€ a un massimo di 160€…è reale, non regaliamo Minuti…come fanno altri Centri…voi ne potrete fare l’uso che riterrete opportuno…0773.49.36.00 e ascolta il regolamento redatto legalmente…al Ministero dell’Economia

 

 

Runemal: Origine, storia, significato, interpretazione dell’antico oracolo delle Rune

Frutto di 13 anni di intenso lavoro di ricerca e sperimentazione da parte degli autori, quest’opera accompagna il lettore in copertina_Runemal500un avvincente viaggio alla scoperta del profondo significato simbolico delle Rune e lo guida ad un responsabile e consapevole utilizzo dello strumento della divinazione e dell’interpretazione dell’oracolo runico.
Le Rune sono la Sacra Lingua degli Dei e degli Eroi, sono le lettere di un antico e misterioso alfabeto con cui possiamo chiedere aiuto alle Forze della Natura e ricevere l’energia necessaria per compiere il nostro cammino nella gioia e nella luce.
Con l’aiuto delle Rune, possiamo affrontare e vincere i demoni della rabbia e i mostri della paura che impediscono il cammino nella pienezza dell’autorealizzazione.
Possiamo liberare la nostra Anima prigioniera del passato e del dolore, possiamo sconfiggere il Drago della rinuncia e della disperazione che avidamente tenta di impadronirsi del Tesoro della nostra vita.
Umberto Carmignani e Giovanna Bellini hanno messo a frutto la loro ventennale esperienza di artisti e ricercatori spirituali, per fornire infortuni utili per la profonda e interiore comprensione del Viaggio Eroico che ognuno di noi è chiamato a intraprendere.
Questo libro è concepito proprio come un Viaggio Interiore di Crescita ed Evoluzione Spirituale, seguendo passo dopo passo il viatico indicato dalle Rune, il lettore viene guidato alla scoperta dei Segreti della Vita, penetrando in quel Mistero che è la Terra Incognita, l’Ultima Thule, l’Hyperborea di ogni Viaggiatore dello Spirito.
Il percorso indicato dalle Rune è un Viaggio Sciamanico alla riscoperta delle nostre radici di Indoeuropei, un viaggio che inizia da molto lontano, dalle steppe dell’Eurasia migliaia di anni fa, che passa attraverso il Culto della Dea Madre, rivelando il patrimonio religioso e culturale ancora oggi riscontrabile nella mitologia e nell’arte greca e nei testi sacri dell’India, i Veda.
Dalle montagne ghiacciate, dalle oscure foreste, dai mari tempestosi del nord fino alle scogliere e alle spiagge assolate del mediterraneo, un Viaggio nel tempo, per recuperare le nostre Dee e i nostri Dei dimenticati, e attraverso di loro riappropriarci del nostro rapporto con il Mondo e con la Natura, liberarci da pregiudizi e da moralismi, da sensi di colpa, da peccati originali, penitenze ed espiazioni, per incontrare la gioiosa compartecipazione dei piaceri del corpo, della mente, dello spirito, per godere pienamente del buon cibo e del buon vino, dell’amicizia e dell’amore, dell’abbondanza e della prosperità, della fratellanza e della famiglia.
Paganesimo, politeismo, panteismo sono celebrazione delle forze della Vita e della Natura, sono espressioni vitali della nostra originaria natura di Indoeuropei, noi siamo figli di molti Dei e di molte Dee, figli di un Dio solare e di una Dea Lunare, siamo figli del Cielo e della Terra, siamo figli dell’Aria, dell’Acqua, del Fuoco, nostra Madre è la Vita e la Morte, nostro Padre il Tempo e il Destino.
Gli Dei pagani hanno la loro dimora sulla vetta delle montagne e nelle profondità dell’oceano, ma abitano anche dentro di noi, sono gli Archetipi Universali, rivivono nei miti, nelle saghe, nelle fiabe e nelle leggende, Dei siamo noi stessi, quando talvolta possiamo riconoscere la nostra immagine divina riflessa nel mondo e nel volto dei nostri fratelli e sorelle, e attraverso l’Amore condividerne l’essenza con rocce, piante e animali.
Noi viviamo nei vertici e negli abissi della nostra coscienza, talvolta precipitiamo nell’inferno dell’odio e dell’intolleranza, ma se solo potessimo vedere, anche per un solo istante, la nostra luce, potremmo trasformare il mondo in un Paradiso.
Ed è là che le Rune possono condurci, solo che noi vogliamo lasciarci guidare.

 

Guardiamo il meteo insieme…

Previsioni Meteo Italia. Emissione: 30 marzo

Sull’Italia è in transito un impulso perturbato, al quale si assocerà una Bassa Pressione che traslerà progressivamente sui Balcani. Il tempo sta peggiorando al nordovest e in Toscana, ma presto dovremo munirci d’ombrello un po’ ovunque. Per un generale miglioramento, temporaneo, occorrerà attendere la seconda parte della domenica di Pasqua. Le schiarite si protrarranno, su molte regioni, per buona parte della Pasquetta. Su altre, invece, si profila un’altra ondata di maltempo.

Il tempo di Pasqua
Migliora fin da subito su nordovest e Toscana, dove ci aspettiamo condizioni di bel tempo. Sul nordest insisteranno nubi irregolari con associate delle piogge o nevicate sui rilievi alpini. La quota neve, a seguito dell’ingresso d’aria fredda da est, registrerà un ulteriore abbassamento tant’è che non sono da escludere spruzzate sin sulle colline friulane e dell’alto Veneto.

Pioverà ancora nelle regioni del medio-basso versante tirrenico e nelle Marche. Qualche acquazzone non è da escludere anche in Sicilia. Schiarite prevalenti interesseranno le altre regioni, in particolare Sardegna, Puglia e Molise. In genere insisterà una ventilazione occidentale, più sostenuta al sud, eccezion fatta per il nord dove invece prevarrà la componente settentrionale.

Pasquetta dai due volti
Da subito molte nubi sulla Sardegna, la prima delle nostre regioni ad essere raggiunta dalla nuova perturbazione. Dal mattino, infatti, subentreranno piogge localmente intense con rovesci e dei temporali. Piogge che si estenderanno gradualmente alle regioni centro meridionali, intensificandosi dal pomeriggio. Per quando riguarda il nord, si prospetta una giornata all’insegna del tempo variabile e un po’ fredda. Da non escludere sporadiche precipitazioni in Emilia, sul settore ovest del Piemonte e sulle Alpi. La quota delle nevicate sarà posizionata mediamente attorno ai 600/800 metri.

Migliora al nord, instabile al centro sud
Martedì 2 aprile prevediamo condizioni di tempo migliore nelle regioni settentrionali, altrove insisterà una vivace instabilità che non mancherà di dar luogo a degli acquazzoni temporaleschi. Mercoledì ancora residui fenomeni all’estremo sud, ma la situazione tenderà a migliore. Nel complesso si profila una giornata variabile, con anche la possibilità di qualche isolato fenomeno nelle regioni di nordovest.

Dati e previsioni meteo forniti da  Www.tempoitalia.it

Buongiorno a tutti i Cari Amici che seguono con costanza, il nostro Oroscopo e gli altri contenuti di questo Blog, con l’occasione, ci tengo tantissimo a ringraziare anche, tutti coloro che stanno portando questo Blog, alla visualizzazione di molti utenti…grazie, come sempre dico, :” la veriticità delle cose e la semplicità premia, non subito ma poi diviene inattaccabile!”….

Sono mancata questi tre giorni, facendovi mancare il mio oroscopo quotidiano, ma mi farò perdonare….un abbraccio a tutti!